lunedì 30 giugno 2014

ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sentenza CTP sulla tracciabilità dei pagamenti. Dott. Victor Di Maria


Associazioni dilettanti. Tracciabilità pagamenti

Sentenza della CTP di Reggio Emilia

L'associazione sportiva dilettantistica non è obbligata alla tenuta di un registro cassa per i pagamenti inferiori a 516 euro. Lo ha statuito la sentenza n. 296/03/14 della Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia.

La questione trae origine da un processo verbale di accertamento ai fini delle imposte sui redditi e IVA emesso dall'Agenzia delle Entrate nei confronti di una squadra di calcio a cinque. 
L'Ufficio ha contestato la decadenza della contribuente dalle agevolazioni fiscali previste per le associazioni sportive dilettantistiche, in ragione delle modalità utilizzate per i pagamenti in contanti agli atleti.
Ai sensi dell'articolo 25, comma 5, delle legge 133 del 1999, i pagamenti a favore di società, enti o associazioni sportive dilettantistiche e i versamenti da questi effettuati devono essere eseguiti, se di importo superiore al vecchio milioni di lire (ora 516,46), tramite conti correnti bancari o postali a loro intestati oppure secondo altre modalità idonee a consentire all'Amministrazione finanziaria lo svolgimento di efficaci controlli. L'inosservanza di tale disposizione comporta la decadenza dalle agevolazioni di cui alla legge n. 398 del 1991 e l'applicazione delle sanzioni previste dall'articolo11del D.Lgs. n. 471 del 1997.

Ad avviso dell'Ufficio, l'abitudine della contribuente di effettuare prelievi per importi anche superiori a 516 euro per l'effettuazione di tutti i pagamenti in contanti agli atleti, ripetuti più volte nel corso dello stesso mese e con rilascio delle relative ricevute per importi mai superiori a 500 euro per volta, celava una volontà elusiva. Tesi che non ha però trovato l'avallo dei giudici reggiani di primo grado, che in sentenza osservano: “L'articolo 25 della legge n. 133/99 non fa alcun riferimento alla sommatoria di prelievi per pagamenti elargiti, riferendosi espressamente a incassi e pagamenti provenienti o a favore di soggetti terzi, con riferimento ad ogni singola operazione”.
Dunque, la norma non obbliga l'associazione sportiva dilettantistica a tenere un registro cassa per i pagamenti inferiori a 516 euro.
Dott. Victor Di Maria

Nessun commento:

LIBERI DI CONFRONTARSI

La mia foto

La libertà una conquista da difendere a tutti i costi