giovedì 8 maggio 2014

PROFESSIONISTI LIBERI CONTRO TUTTE LE MAFIE - PROPOSTA DIRETTA AI COLLEGHI COMMERCIALISTI





LETTERA APERTA AI COLLEGHI COMMERCIALISTI


La società civile ha il dovere di contrastare la criminalità organizzata per rendere la vita democratica e partecipativa effettivamente libera da condizionamenti.

La penetrazione delle mafie, al sud come al nord ma anche sulla scena internazionale, nasce grazie al verificarsi di una pre-condizione di vuoto  etico degli attori principali della vita quotidiana.

Spesso abbiamo pensato, e purtroppo anche per un lungo periodo, al fenomeno mafioso, così come a qualsiasi altro fenomeno criminoso associativo, come a una realtà appartenente solo a certe “aree grigie” della società e a fenomeni strettamente legati all’attività di “criminali tra criminali”.

La società civile, nel corso degli anni passati, non ha tenuto conto e non ha voluto vedere che la forza delle associazioni criminali risiede proprio nella capacità che esse hanno di collegarsi con “agenti” esterni al nucleo criminale.

Le associazioni mafiose hanno avuto, storicamente, un bacino di connivenze e complicità, che, a volte inconsapevolmente, hanno generato ramificazioni nell'indifferenza totale e nella presunzione che quello del crimine organizzato fosse un problema degli altri.

Le mafie hanno sempre mirato a infiltrare l'economia e condizionare la politica.

Lo hanno fatto in passato e continuano a farlo con nuovi strumenti e maggiore capacità di penetrazione, approfittando di un tessuto sociale oggi molto fragile e disgregato.

C'è, nel nostro paese, un'illegalità diffusa che non va confusa con le mafie, ma che rafforza una mentalità favorevole alle logiche mafiose.

Per questi motivi ritengo fondamentale che i professionisti, più di ogni altro settore di attività, siano “attori” sensibili di una realtà complessa e articolata.

Sappiamo bene che la corruzione significa 120 miliardi di euro sottratti ogni anno ai servizi sociali, alla scuola, al lavoro, alla sanità, cioè alle basi della democrazia: una tassa di 2000 euro per ogni cittadino!

Ricordiamo tutti quanto diceva il prefetto Dalla Chiesa quando affermava che per sconfiggere le mafie bisogna dare come diritto ciò che esse offrono come favore.

Non è possibile costruire una società migliore, votata al “bene comune”, se non facciamo nostra la filosofia del rispetto della legalità come principio fondativo del diritto di cittadinanza. Per far ciò ognuno di noi deve assumere un comportamento conseguente. 

La pericolosità del sistema mafioso impone ad ogni soggetto sociale, singolo o associato, pubblico o privato, di svolgere un ruolo attivo nel contrastarlo.

La Mafia si potrà sconfiggere solo se a combatterla non saranno più alcuni soggetti isolati, ma tutte le istituzioni, compresi gli Ordini Professionali oltre che la larga maggioranza della società civile, anche attraverso l’assunzione simbolica, ma per questo fortemente significativa di un impegno morale, di un atto di impegno etico contro TUTTE LE MAFIE.

A tal al fine proporrei di avviare una discussione per verificare la disponibilità dei colleghi singoli e dell’Ordine Professionale a cui apparteniamo a sottoscrivere il “Manifesto dei Professionisti Liberi” promosso da LiberoFuturo e Addiopizzo.

Sarebbe un bel segnale di impegno civico.

Campobello di Mazara 07 maggio 2014

                                                                         Dott. Victor Di Maria

Nessun commento:

LIBERI DI CONFRONTARSI

La mia foto

La libertà una conquista da difendere a tutti i costi